Progetto: CHILD FOR JESUS
Invogliare i ragazzini a venire in chiesa ed a leggere la bibbia non è un compito facile. La
sfida è utilizzare il tempo trascorso in chiesa in maniera più ottimale, alla Luce del
Vangelo, portargli ad essere trasformati nel loro carattere, per a loro volta trasformare o
quanto meno influenzare quelli che gli stanno attorno, avendo una esperienza pratica e
non solo teorica della Parola di Dio nella loro vita, cioè non solo lavorare su concetti e
dottrine ma nelle problematiche della loro vita quotidiana, per affrontarle vivendo
appieno il Vangelo. L’età è tra le più facili. Stiamo parlando di ragazzini tra gli 8 e 13 anni,
il tema ai loro occhi , sembra fantastico, quasi una fiaba, incompatibile con la vita di
scuola, sport, giochi e tanti compagni ignari di un Dio sceso sulla terra per salvare i
perduti.
Ed è proprio questa la chiave dell’insegnamento, portarli ad avere più consapevolezza
dell’essere cristiani: nel pensare, nel parlare, nell’agire senza sentirsi diversi dai loro
coetanei. Sviluppare in loro una buona, giusta autostima e fiducia in sè stessi con gli
insegnamenti del Vangelo, portarli ad essere leader e testimonianze viventi: anche se non
parlano di Gesù ai loro coetanei, che siano degli influenzatori, con il loro carattere e la loro
testimonianza:
“Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e
glorifichino il Padre vostro che è nei cieli.” (Matteo 5:16)
Il nostro strumento più prezioso è sicuramente lo Spirito Santo, il punto di partenza è la
Bibbia, ma ci serviamo anche di giochi ludici, dibattiti con temi che possono essere alla
loro portata e con lo scopo di farli interagire e partecipare. Sono loro i protagonisti affinché
le lezioni non siano monotone. È presente anche la musica, dei video, tanta pazienza e
dedizione, ed una bella lavagna!
Abbiamo capito come chiesa, che trasmettendo il vangelo in modo pratico nella loro vita,
partendo dai loro problemi e dalle loro vicissitudini, capiranno che la Parola di Dio non è
un cumulo di dottrine e regole che a loro sembreranno lontane ed impraticabili, cioè solo
una religione. Anzi, crediamo che possano realizzare e comprendere strada facendo che il
vangelo, gli insegnamenti di Gesù Cristo sono uno stile di vita: La Parola è vivente e ha
una risposta a tutte le situazioni della loro vita. La sfida è stata lanciata e sappiamo che
l’abbiamo già vinta, poiché il nostro più grande sostenitore è quello che ha disse:
“Lasciate che i piccoli fanciulli vengano a me e non glielo impedite, perché di tali è il regno dei
cieli”. (Luca 18:16)
Karyta De Lima
Ministero Siloe.

Pin It on Pinterest

Share This